Cinghiali a bordo strada, quando c’è la mano dell’uomo


Periodicamente il Parco regionale dei Castelli Romani sottolinea che il foraggiamento artificiale di cinghiali, o qualsiasi altro esemplare di fauna selvatica, è una pratica dannosa e controproducente, in quanto, oltre a creare un surplus di cibo che può squilibrare le naturali dinamiche ecosistemiche, facilita l’avvicinamento degli animali ai centri abitati e presso le sedi stradali.

Nonostante articoli di approfondimento, notizie e inviti tesi a disincentivare comportamenti che, seppur in buona fede, possono essere potenzialmente pericolosi, sopralluoghi effettuati  nei giorni scorsi dal Servizio Tutela Ambientale del Parco hanno accertato la presenza di cibo appositamente disseminato ai bordi di alcuni tratti stradali piuttosto trafficati. Nelle foto si può vedere come in Via di Rocca di Papa, all’altezza dell’incrocio con la Via S.P. 72b “Cappuccini di Albano”, sono stati lasciati fagioli e pane secco. Questa strada risulta essere il tratto con la maggiore densità di impatti con fauna selvatica, se si rapporta il numero di incidenti alla lunghezza del tratto stesso, rispetto a tratti stradali più lunghi e con sinistri simili accertati. Un dato che invita a riflettere una volta di più circa la concrete - pericolose - conseguenze di gesti apparentemente innocui.

Si ribadisce che alimentare i cinghiali è vietato per legge, quindi sanzionabile, e diminuisce il naturale timore degli stessi per l'uomo, favorendo la possibilità di incontri ravvicinati. Fra le azioni messe in campo dall’Ente Parco c’è anche il coinvolgimento attivo delle Amministrazioni, invitate non solo a sensibilizzare e informare la Cittadinanza circa i corretti comportamenti da seguire per facilitare la convivenza fra uomini e fauna selvatica, ma anche ad emettere ordinanze che vietino questa pratica.

Evidenziamo che il comportamento “animalistico” non aiuta le specie selvatiche, anzi scombina le dinamiche di selezione naturale che da sempre regolano efficacemente la vita di tutti gli organismi viventi. Come in casi analoghi, l’abbandono di cibo in prossimità delle strade, invita gli animali al loro attraversamento, con il rischio di  gravi collisioni. Questo tipo di comportamento danneggia piuttosto che aiutare il benessere dell’animale selvatico.
 

 

 

 7 febbraio 2017
 

EVENTI AL PARCO
PUBBLICITA' LEGALE
Con la Legge n. 69 del 18 giugno 2009 l'Albo Pretorio diventa un luogo "virtuale" accessibile a tutti...
AL PARCO TROVI
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per essere sempre informato sulle ultime novità: la newsletter ti aggiorna in anteprima su iniziative, attività, progetti.