I gesti concreti della solidarietà

   


Come rendersi utili in questo periodo difficile, senza poter uscire di casa ma con la voglia di dare comunque una mano? A chi chiedere aiuto se ci si trova in difficoltà?

Si moltiplicano le iniziative di solidarietà in tutta Italia e, anche ai Castelli Romani, di giorno in giorno nuove idee prendono vita per aiutare chi continua a lavorare, spesso in condizioni di stress, per chi è in difficoltà perchè non può lavorare, per chi sta male, per chi è solo.

Ci sono le raccolte fondi attivate da ristoranti e negozi, che mettono insieme piccole cifre per per offrire un pasto a chi lavora negli ospedali, ad esempio. Ci sono i fiorai che offrono i colorati mazzi di fiori che non possono vendere per regalare sorrisi e pensieri; c’è chi dona mascherine protettive al Comune; chi attiva un servizio di ascolto telefonico gratuito, sostegno psicologico per chi si sente fragile. Ancora, fornai che lasciano l’invenduto della giornata, perfettamente sigillato, fuori dal negozio per chi non può comprarlo; chi cuce in casa mascherine con le stoffe che ha, chi lascia biglietti in ascensore per offrirsi di fare la spesa a chi non può uscire.

Per conoscere le numerose iniziative di solidiarietà, per beneficiarne e anche per dare il proprio contributo, si può iniziare a seguire i canali social (Facebook, Twitter) dei Comuni dei Castelli: tutti oramai ne hanno almeno uno, col pregio di essere più facilmente aggiornabili, rispetto ai siti internet istituzionali.

Sulle pagine Facebook dei Comuni, e spesso su quelle personali di molti Sindaci (alcuni sintetizzano decreti, altri accolgono pazientemente richieste di ogni tipo, altri ancora rassicurano e confortano), trovano spazio quasi quotidianamente le iniziative di solidarietà.
Oltre ad essere costantemente aggiornati in modo ufficiale e, quindi, autentico, gli account social dei Comuni mettono al riparo anche da truffe che, in queste circostanze, purtroppo trovano nuovi spunti. È di pochi giorni fa la notizia dei falsi volontari che bussavano casa per casa per effettuare tamponi medici, ad esempio. Resta valido l’invito a fare attenzione ma bisogna potersi fidare e aiutare chi è in difficoltà senza paure.

Le iniziative che viaggiano sulle pagine social dei Comuni e, più in generale, degli Enti Pubblici, sono affidabili: lì si può scegliere senza paura a chi far del bene e chi vuol fare del bene.



Titti Alberti, "La peonia complementarietà degli opposti"


24 marzo 2020

EVENTI AL PARCO
PUBBLICITA' LEGALE
Atti e provvedimenti amministrativi aventi effetto di pubblicità legale (L. 69/2009)...
AL PARCO TROVI
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per essere sempre informato sulle ultime novità: la newsletter ti aggiorna in anteprima su iniziative, attività, progetti.