Il valore economico del legno di castagno dei Castelli Romani

 

Il Parco dei Castelli Romani protagonista di una tesi di laurea sul legno di castagno.

L'Ufficio Agro Silvo Pastorale, afferente al Settore Ambientale dell'Ente, ha infatti collaborato con Giulia Natuzzi, studentessa dell'Università degli studi di Bari "Aldo Moro" nella redazione della propria tesi di laurea.

Giulia si è laureata in "Economia ed estimo rurale", per il corso di laurea in "Scienze Forestali e Ambientali", presso il Dipartimento di Scienze Agro Ambientali e Territoriali, con una testi dal titolo "La filiera del legno di castagno nel Parco dei Castelli Romani".

Attività sul campo, interviste, confronto con i tecnici del Parco per lo svolgimento di un interessante studio che ha analizzato, mettendo a confronto con legnami prodotti in altre parti d'Italia (Piemonte, Toscana e Calabria), il valore economico del legno di castagno prodotto nei Castelli Romani.

Nel corso dello studio sono state svolte interviste ad alcuni fra i maggiori produttori di castagno operanti nel Parco dalle quali è emersa la buona qualità del materiale prodotto, testimoniata dall’assenza di cipollatura (difetto tecnologico) negli assortimenti, sinonimo di qualità e di incremento del valore stesso del legno.



22 settembre 2020
 

EVENTI AL PARCO
PUBBLICITA' LEGALE
Atti e provvedimenti amministrativi aventi effetto di pubblicità legale (L. 69/2009)...
AL PARCO TROVI
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per essere sempre informato sulle ultime novità: la newsletter ti aggiorna in anteprima su iniziative, attività, progetti.