Esplora contenuti correlati

 

Una pianta asiatica che ha conquistato il territorio di Velletri

Il Parco alla Festa delle Camelie 2023

 
Una pianta asiatica che ha conquistato il territorio di Velletri
 

Una delle piante ornamentali comuni che possiamo ammirare in tutto il suo splendore in questo periodo, è la Camelia. Fiorisce tra fine febbraio e marzo anticipando la primavera, e si tratta di una specie non autoctona bensì importata dall’Asia, ma che grazie al suolo di origine vulcanica ha trovato nel territorio dei Castelli Romani il suo habitat ideale, tanto da diventare il simbolo di una delle feste tradizionali più conosciute che ogni anno a marzo si tiene nel comune di Velletri (RM).

È dal 1993 che Velletri rende omaggio a questo splendido fiore, simbolo della città. La Festa delle Camelie è divenuta nel tempo un appuntamento botanico e culturale che ha varcato i confini del territorio con risonanza nazionale ed internazionale. Il primo esemplare sembra essere stato quello piantato nel cimitero monumentale di Velletri alla fine dell’800, pochi anni dopo l’arrivo dai Paesi asiatici della prima pianta di camelia collocata nella Reggia di Caserta, da allora in poi iniziò la coltivazione di questa pianta che si diffuse con una incredibile e rigogliosa crescita in tempi relativamente brevi, grazie al particolare microclima ed alla qualità dell’ottimo terreno acido, di origine vulcanica; per questo le camelie veliterne sono tanto particolari: hanno, infatti, una vegetazione doppia ed una fioritura superba in tempi impensabili per altri terreni.

Proprio di questo aspetto si è parlato nel convegno “Il Vulcano Laziale, un tesoro per Velletri: Terra, Camelie e Vino“, che si è svolto lo scorso fine settimana in occasione dell’edizione 2023 della Festa delle Camelie, alla quale ha partecipato anche il direttore del Parco dei Castelli Romani, dott.ssa Emanuela Angelone, che ha ribadito la potenzialità che offre il terreno vulcanico per la quantità e qualità della fauna della flora e di molti prodotti coltivati su questo tipo di suolo, non solo nel territorio di Velletri ma in tutto il Lazio.